Internet: 9 password su 10 sono vulnerabili
Internet: 9 password su 10 sono vulnerabili

La grande maggioranza delle password utilizzate per accedere ai servizi on-line, quali conti correnti bancari, sono facilmente attaccabili. Ecco i perchè

Scritto da: Redazione Data: 1 marzo 2013
Pagina 1 di 1

Oltre il 90% delle password di accesso ai vari servizi Internet come conti bancari, e-mail o social network tramite computer, tablet o telefono, sono vulnerabili a causa della loro semplicità. Secondo uno studio condotto da Deloitte (TMT Predictions 2013), 9 password su 10 non hanno una efficacia tale da contrastare un possibile atto di pirateria. La ricerca ha messo in luce che su sei milioni di combinazioni analizzate, il 91% degli utenti ha scelto una password tra le 10.000 più comuni, il 79% tra le 500 combinazioni più utilizzate, il 40% userebbe una sequenza tra le 100 più conosciute e il 14% tra le 10 password più famose, tipo "1234" o "password". Il 9,8% degli utenti, poi, affida la sicurezza dei propri account a combinazione come "12345678" o "password 123456", con un livello di affidabilità praticamente a zero. 

Gli autori dello studio hanno evidenziato che l'essere umano medio non riesce a memorizzare più di 5-7 password diverse. È per questo motivo che la maggior parte degli utenti utilizzano come credenziali di accesso i nomi, le loro date di nascita o quelle dei loro figli. Un'abitudine piuttosto diffusa, ma molto pericolosa

Queste osservazioni non dicono nulla di nuovo. Diversi studi negli ultimi anni hanno messo in risalto la debolezza delle chiavi di accesso ai servizi Web. Secondo Deloitte, però, la situazione è destinata a peggiorare nel 2013 e negli anni futuri, per almeno due fattori: la diffusione della telefonia mobile e la tecnologia.

Primo problema: i cellulari. Questi terminali, sono in rapida crescita, ma le password impostate per questi dispositivi sono meno sicure di quelle utilizzate su un PC. La ragione è semplice. Su un cellulare le password complicate sono più difficili da digitare e per risparmiare tempo, gli utenti scelgono password meno robuste. Stando a quanto riferisce Deloitte, un utente medio impiega 4 o 5 secondi per digitare una password di 10 caratteri su una tastiera di un computer. Questo tempo sale a 7-10 secondi su uno smartphone con tastiera fisica e possono essere necessari da 7 a 30 secondi su uno smartphone touch con tastiera virtuale.

Segue in basso  ▼

Il secondo fattore che gioca a favore del cyber-crimine è la tecnologia. La relazione stima che il progresso hardware, con macchine sempre più potenti, può facilitare efficaci attacchi "brute-force". Vale a dire, che si può sfruttare la potenza di calcolo per trovare più facilmente password anche relativamente complesse.

Le soluzioni? Generare password sempre più lunghe e complicate. In questo nostro articolo , i consigli su come rendere sicure le credenziali di accesso ai propri account, utilizzando password difficili da forzare e identificare.
Ti è piaciuto l'articolo? Ricevine altri comodamente via mail
Articoli consigliati

Ottenere le dimensioni di una TV

Un praticissimo wizard per avere subito un'idea di quali possano essere le dimensioni di una TV. Comodo per chi vuole conoscere le misure di una TV a partire dalla diagonale.

Speciale Prestiti Online

Quali sono le migliori offerte? Cosa bisogna sapere prima di richiedere un prestito personale? Cerchiamo di spiegare come stanno le cose ...

Speciale Conti Correnti

Quali conti online scegliere? Puri o multicanale? Abbiamo identificato le migliori condizioni offerte dalle principali banche ...

Test velocita' ADSL

Esegui gratuitamente i migliori test per monitorare la velocità della tua connessione ADSL

Guadagnare con Internet

Guadagnare in Internet ? E' possibile. Con un po' di pazienza e fortuna, si possono avere apprezzabili risultati ..
TOP 10 articoli #04/17
Sitemap