Diritto all'oblio, nuovo rifiuto di Google alla UE
Diritto all'oblio, nuovo rifiuto di Google alla UE

Mountain View rigetta la richiesta di rimuovere alcuni link dal motore di ricerca, così come era stato reclamato dall’autorità per la protezione dei dati inglese

Scritto da: Redazione Data: 30 agosto 2015
Pagina 1 di 1
Dopo il fermo diniego e la presa di posizione di Google contro le istituzioni europee, in tema di diritto all’oblio dello scorso 30 luglio, in relazione alla richiesta del Garante francese sulle rimozioni dei link da applicare anche sui siti extraeuropei, arriva una nuovo secco "no" del gigante dei motori di ricerca.
 
Circa dieci giorni fa, Google ha rifiutato di rimuovere alcuni link dal motore di ricerca, così come era stato disposto dall’autorità per la protezione dei dati inglese, l’Information Commissioner’s Office (ICO). L'ordinanza dell’ICO riguardava nove link riferiti a una vicenda legata a un reato commesso dieci anni prima per il quale il motore di ricerca aveva già in precedenza rimosso i link per le ricerche effettuate sulla base del nome dell’autore del crimine. 
 
In seguito, alla rimozione dei link si erano interessate alcune testate giornalistiche che avevano pubblicato nuovi articoli. Ciò aveva consentito ai lettori di risalire alla vicenda oggetto del provvedimento di cancellazione. Per questo l’autorità inglese aveva posto in essere l'ingiunzione per la rimozione dei nuovi link.
 
Da qui il rifiuto di Google di rimuoverli. Il colosso di Mountain View, ha evidenziato che essi erano determinanti e di importanza significativa per l'utenza. Google ha comunicato anche di aver tenuto in considerazione il parere dei media prima di decidere se l’informazione era di rilievo e predominante nell’interesse dell'opinione pubblica.
 
Il garante inglese, David Smith, a seguito del rifiuto di Google, ha precisato: "La Corte Europea è stata chiara nell’affermare che i link prodotti da una ricerca effettuata sulla base del nome di una persona sono soggetti alla normativa sulla privacy europea. Google aveva correttamente applicato in precedenza la norma, in relazione alla vecchia condanna di quella persona, che non rappresentavano più “informazioni rilevanti” ma avevano un impatto negativo sulla privacy".

Segue in basso  ▼

Smith nel ricordare che tale provvedimento non rimuove le storie dai siti originali o dal motore di ricerca, ha sottolineato che sono oggetto di de-indicizzazione esclusivamente le ricerche impostate e basate sul nome della persona: "Cerchiamo di essere chiari. Siamo consapevoli che i link rimossi a seguito di questa sentenza del tribunale sono una cosa che i giornali vogliono scrivere. E abbiamo capito che la gente vuole poter trovare queste storie attraverso i motori di ricerca come Google. Ma quello di cui non ha bisogno è che essi vengano ritrovati attraverso la ricerca sul nome del denunciante originale".
 
La scaramuccia tra Google e il garante inglese è terminata qui? No. quest'ultimo ha stabilito che i responsabili del motore di ricerca avranno 35 giorni di tempo per rimuovere i nuovi link. Google, però, potrà ricorrere alla General Regulatory Chamber, un tribunale indipendente britannico incaricato pronunciarsi su argomenti relativi alla libertà di informazione nel caso questi contrastino con i provvedimenti dell’Autorità per la protezione dei dati personali.
Ti è piaciuto l'articolo? Ricevine altri comodamente via mail
Articoli consigliati

Ottenere le dimensioni di una TV

Un praticissimo wizard per avere subito un'idea di quali possano essere le dimensioni di una TV. Comodo per chi vuole conoscere le misure di una TV a partire dalla diagonale.

Speciale Prestiti Online

Quali sono le migliori offerte? Cosa bisogna sapere prima di richiedere un prestito personale? Cerchiamo di spiegare come stanno le cose ...

Speciale Conti Correnti

Quali conti online scegliere? Puri o multicanale? Abbiamo identificato le migliori condizioni offerte dalle principali banche ...

Test velocita' ADSL

Esegui gratuitamente i migliori test per monitorare la velocità della tua connessione ADSL

Guadagnare con Internet

Guadagnare in Internet ? E' possibile. Con un po' di pazienza e fortuna, si possono avere apprezzabili risultati ..
TOP 10 articoli #08/17
Sitemap