Debutta YouTube Music Key, musica e video in abbonamento
Debutta YouTube Music Key, musica e video in abbonamento

YouTube annuncia la beta di un servizio per lo streaming di musica senza annunci, con funzioni per l’ascolto in backgroud e riproduzione offline

Scritto da: Redazione Data: 13 novembre 2014
Pagina 1 di 1

Arriva YouTube Music Key, l'atteso nuovo servizio in abbonamento targato Google. La novità era nell'aria da tempo. Attualmente in versione “beta”, sarà disponibile dal prossimo lunedi in sette paesi: Italia, Gran Bretagna, Finlandia, Irlanda, Spagna, Stati Uniti, Portogallo. Offrirà musica priva di pubblicità e permetterà di riprodurre milioni di video musicali. Sarà possibile ascoltare musica su smartphone e tablet, anche in background, ossia anche dopo essere usciti dall'app. I video, inoltre, possono essere visualizzati offline. Parliamo di prezzi: per i primi sei mesi sarà offerto gratuitamente, per poi passare a 7,99 euro e successivamente a 9,99 euro al mese. Il costo è in linea con quello praticato della concorrenza come Spotify (nella versione Premium), che offre però solo audio. Il servizio include un abbonamento a Google Play Music.

Debutta YouTube Music Key, musica e video in abbonamento

L'arrivo di YouTube Music Key ha favorito l'aggiornamento di Youtube.com e delle app YouTube per iOS e Android. È comparsa una nuova etichetta (tab) dedicata ai video musicali dove si possono creare playlist, nonché la possibilità di interagire con gli artisti e trovare la loro discografia e videografia completa . 

YouTube Music Key app

"Grazie ai vostri video, ai vostri remix, alle vostre cover e non solo siamo diventati il più grande servizio musicale del mondo", fa sapere l'azienda in un post ufficiale titolato "La musica su YouTube non stona mai".

Al momento il servizio non è liberamente accessibile, ma è richiesto un invito che garantirà 6 mesi di utilizzo gratuito. Per effettuare la richiesta è necessario lasciare il proprio indirizzo email. Insomma, prende vita una ulteriore sfida allo streaming di Spotify e al download di iTunes. Questo progetto di Google segna un importante passo per il colosso dei video sul Web, che traccia una nuova significativa rotta che può rappresentare anche una nuova forma di monetizzazione per gli artisti. Non mancano infatti le possibilità di acquisire ricavi pubblicitari e fare affidamento anche sugli incassi veicolati dagli abbonamenti. 

Segue in basso  ▼

I dati che arrivano dal mercato discografico rafforzano le previsioni di crescita dei servizi in streaming. Google fino ad ora aveva mantenuto un atteggiamento di algida attesa sul fronte musicale, lasciando spazio (forse troppo) a concorrenti come Spotify. Ora però tira fuori gli artigli mettendo in campo la sua roccaforte di condivisione di video. Non sappiamo quale sarà la reazione e la discriminante che indirizzerà gli utenti. Quello che sembra certo è che la partita tra gli antagonisti potrebbe essere giocata sul campo dell'alta qualità nel suono, un importante elemento di scelta tra le piattaforme.

Ti è piaciuto l'articolo? Ricevine altri comodamente via mail
GALLERIA FOTOGRAFICA
GALLERIA VIDEO
Articoli consigliati

Ottenere le dimensioni di una TV

Un praticissimo wizard per avere subito un'idea di quali possano essere le dimensioni di una TV. Comodo per chi vuole conoscere le misure di una TV a partire dalla diagonale.

Speciale Prestiti Online

Quali sono le migliori offerte? Cosa bisogna sapere prima di richiedere un prestito personale? Cerchiamo di spiegare come stanno le cose ...

Speciale Conti Correnti

Quali conti online scegliere? Puri o multicanale? Abbiamo identificato le migliori condizioni offerte dalle principali banche ...

Test velocita' ADSL

Esegui gratuitamente i migliori test per monitorare la velocità della tua connessione ADSL

Guadagnare con Internet

Guadagnare in Internet ? E' possibile. Con un po' di pazienza e fortuna, si possono avere apprezzabili risultati ..
TOP 10 articoli #08/19
Sitemap