Attacco informatico a Intesa Sanpaolo e Unipol Banca
Attacco informatico a Intesa Sanpaolo e Unipol Banca

Pirati informatici di Ghost Italy hanno pubblicato online dati di 90 database con nomi, password, mail e numeri di telefono. Intesa minimizza e spiega che si tratta di dati di un fornitore esterno. Nessun rischio per gli utenti

Scritto da: Redazione Data: 28 settembre 2015
Pagina 1 di 1
Intesa Sanpaolo e Unipol Banca prese di mira da un attacco informatico. "Abbiamo violato i loro sistemi" rivendica Ghost Italy, cellula esterna di Anonymous Italia. L'azione avrebbe consentito di entrare in possesso di circa 6mila tra mail, numeri di telefono, nomi e password di dipendenti e clienti aziendali dei due istituti bancari. La notizia è stata diffusa da Repubblica, ma le due banche hanno negato accessi non autorizzati ai loro sistemi. I dettagli forniti da Ghost Italy però sembrano ben documentati: i nomi trafugati sarebbero ordinati "per dominio e azienda - si legge su Repubblica -, elenchi di persone che farebbero capo o avrebbero relazioni con Intesa, Unipol, Wind, Enel, Engitel". 
 
Secondo quanto riporta ill quotidiano, "Intesa conferma che si tratta di dati reali, ma spiega: "I dati pubblicati online sono a disposizione di un fornitore esterno. Escludiamo impatti per la nostra clientela". Insomma, l'accesso degli hacker non sarebbe avvenuto nei sistemi delle banche, e quei dati sono inutilizzabili perché le password a disposizione del fornitore non sono quelle reali (ossia, sono fornite 'criptate' alla società terza)."
 
Attacco informatico a Intesa Sanpaolo e Unipol Banca
 
 
I dati pubblicati da Ghost Italia, quindi, sarebbero veritieri, ma inutili. Le informazioni pubblicate sul web non possono essere utilizzate per penetrare profili bancari o account di posta elettronica dei singoli utenti. 
 
Il comunicato diffuso dal gruppo che ha portato a termine l'azione, punta il dito contro le banche "accusate di rovinare la vita delle persone e contiene una disquisizione ideologica su banca e monete, sul debito e sugli effetti che l'economia finanziaria ha sulle condizioni di vita di migliaia di persone" si legge. "Quale strada troveranno per continuare a sfruttare le nostre vite e il nostro lavoro? Gli interrogativi sono tanti, ma una cosa è certa, nei tempi che verranno lo scopriremo, le banche sono un nemico sociale che per troppo tempo ha agito indisturbato, ora è tempo di dire basta", conclude la nota.

Segue in basso  ▼

L'attacco, chiamato #OpBankDump, "è stato anche fatto per dimostrare quanto loro non tengano ai nostri dati ed alla nostra privacy, pagano con i nostri soldi milioni di euro per proteggerci ed alla fine lo fanno invano. Quando abbiamo violato Intesa, in essa c'erano 90 database", hanno spiegato alcuni appartenenti al gruppo di hacker.

Ti è piaciuto l'articolo? Ricevine altri comodamente via mail
Articoli consigliati

Ottenere le dimensioni di una TV

Un praticissimo wizard per avere subito un'idea di quali possano essere le dimensioni di una TV. Comodo per chi vuole conoscere le misure di una TV a partire dalla diagonale.

Speciale Prestiti Online

Quali sono le migliori offerte? Cosa bisogna sapere prima di richiedere un prestito personale? Cerchiamo di spiegare come stanno le cose ...

Speciale Conti Correnti

Quali conti online scegliere? Puri o multicanale? Abbiamo identificato le migliori condizioni offerte dalle principali banche ...

Test velocita' ADSL

Esegui gratuitamente i migliori test per monitorare la velocità della tua connessione ADSL

Guadagnare con Internet

Guadagnare in Internet ? E' possibile. Con un po' di pazienza e fortuna, si possono avere apprezzabili risultati ..
TOP 10 articoli #03/17
Sitemap