Tutto sulle Internet key

Le Internet Key sono pratiche, sono belle, vanno di moda e consentono di collegarsi in rete ovunque ci troviamo con il nostro portatile utilizzando le reti telefoniche

Scritto da: Redazione
Pagina 1 di 1
Sono pratiche, sono belle, vanno di moda e consentono di collegarsi in rete ovunque ci troviamo con il nostro portatile utilizzando le reti telefoniche.

Internet Key


Le internet Key altrimenti chiamate chiavette USB sono dei modem che svolgono la stessa funzione delle ConnectCard o di un cellulare connesso al computer utilizzato per navigare in rete.
Questi dispositivi hanno uno spazio interno dedicato all'inserimento di una SIM card, come quella dei cellulare, sulla quale viene attivato un piano tariffario per la connessione in mobilità.
L'idea di potersi connettere in ogni posto è vantaggiosa soprattutto per coloro che viaggiano spesso per lavoro o per i pendolari che necessitano di collegarsi durante il tragitto casa ufficio.

Internet Key


In realtà puo' succedere che nella propria zona non ci sia abbastanza banda e ci si ritrova a navigare a velocità scarsissime, equiparabili alle vecchie connessioni 56 Kb.
Inoltre le tariffe degli operatori per Internet in mobilità, non sono sempre chiare e trasparenti, basta che si sfori di poco il limite massimo mensile consentito sul traffico o sul tempo, e ci si trova a pagare bollette da capogiro.
Una soluzione al tetto massimo imposto dai piani tariffari è la flat, con un costo non indifferente di 45 euro al mese.

Il vantaggio offerto dalle Internet Key USB è che sono Plug & Play, ossia basta inserirle nell'interfaccia USB del portatile e parte automaticamente il software di installazione che provvede a configurare il dispositivo con gli opportuni settaggi.
Le Internet key solitamente vengono offerte in comodato d'uso da parte delle compagnie di telefonia mobile, associate ad offerte che prevedono un vincolo biennale.
Se invece si vuole acquistare una Internet Key si deve sborsare una somma fra i 150 e i 200 euro.
Per la rete si trovano delle Internet key nolock ad un prezzo molto inferiore: questi dispositivi consentono di inserire all'interno schede sim di qualsiasi operatore, ma la configurazione della connessione va effettuata manualmente.

Il protocollo di connessione utilizzato dalle Internet Key e dalle Connect Card è l'HSDPA (7,2 Mb/s in download e 2 Mb/s in upload).
In realtà l'High Speed Packet Access, standard introdotto nel 2006, è già superato e presto cederà il posto all' HSDPA+ che dovrebbe permettere il download di dati fino alla velocità massima di 42 Mb/s e l'upload fino a 22 Mb/s.
Gli operatori telefonici stanno lavorando ad incrementare sempre di più le prestazioni delle reti di telefonia mobile e promettono risultati soddisfacenti nell'arco di un anno.
I valori di velocità di connessione dichiarati sono al più delle volte ideali e si possono avvicinare, forse, solo nelle grandi città.


Le coperture HSDPA, UMTS, GPRS, EDGE

HSDPA, UMTS, GPRS ed EDGE sembrano un mucchio di sigle ma determinano la tipologia e dunque le prestazioni per la propria connessione.
Il protocollo più performante è ovviamente l'HSDPA in assenza del quale viene rilevata l'esistenza di una connessione UMTS che puo' raggiungere i 384 Kb/s di picco.
Se neanche l'UMTS è disponibile si torna al vecchio sistema GPRS o al più perfezionato EDGE.

Prima di acquistare una Internet Key è fondamentale verificare la presenza della connessione HSDPA o perlomeno UMTS nella propria zona. Puo' essere utile informarsi all'interno dei siti degli operatori telefonici cercando la sezione che mostra la copertura di segnale per la Penisola italiana.

Una soluzione più efficace è quella di verificare personalmente con un telefonino attivato per l'HSDPA o l'Adsm e controllare l'intensità del segnale osservando il numero di tacche.
Le prestazioni della propria connessione HSDPA o UMTS non dipendono solo dalla potenza del segnale, ma anche da quanto sia affollata la connessione e quindi dalla quantità di spettro radio disponibile.
Maggiori sono i dispositivi connessi con il protocollo HSDPA, maggiore sarà l'esigenza di banda totale.

Segue in basso  ▼

Quali offerte?

Le offerte telefoniche per Internet in mobilità da parte degli operatori sono veramente una giungla.
Il consiglio da tenere a mente è quello di non soffermarsi troppo sullo slogan promozionale dell'offerta, e di andare ad analizzare attentamente tutte le eccezioni, i pro e i contro della tariffa in considerazione.
Ogni tariffa prevede delle eccezioni, e puo' rimandare al piano base tariffario in caso di sforamento dei limiti utilizzando quindi, un sistema di calcolo più salato.
Nei piani tariffari degli operatori viene chiesto di sottoscriversi ad un abbonamento di almeno due anni che prevede un determinato canone mensile; in caso di recesso anticipato, l'utente dovrà pagare una penale di 199 euro. La chiavetta USB per collegarsi in Internet in mobilità è inclusa nel costo dell'abbonamento.
Nel groviglio delle offerte da parte degli operatori telefonici si possono evidenziare dei denominatori comuni: alcune tariffe hanno un limite massimo di tempo mensile (ad esempio 15 ore al mese, 10 ore al giorno, 100 ore al mese, altre basano in vece il proprio limite sul volume di traffico dati (ad esempio 1 GB al mese, 5 GB al mese), infine esistono le tariffe flat che prevedono un traffico illimitato ma un canone superiore.

Una caratteristica fastidiosa delle tariffe a tempo, è la scansione a sessioni di 15 minuti, con addebito anticipato: ossia ogni volta che ci si connette sia per 2 minuti che per 14, si consuma comunque una sessione. Se si resta connessi 16 minuti vengono scalate 2 sessioni.

Diverso è il discorso per il traffico a volume di dati: se si supera il tetto massimo, viene applicata il più delle volte, la tariffa di base, che puo' prevedere un costo di 6 euro al MB.

All'ammontare del traffico totale, concorre sia quallo in download che in upload. I software inclusi nelle Internet Key consentono di impostare una soglia massima di traffico, poco prima di raggiungere la quale si viene avvisati con un pop up.
E' bene sapere che i software messi a disposizione dalle compagnie, non sono sempre affidabili e in ogni caso, non hanno valore in caso di contestazioni.
Se si vuole saper con più precisione il traffico in entrata, in uscita e quello totale, non rimane che affidarsi a software di terze parti.


vedi anche:

Collegarsi ad Internet in mobilità
Ti è piaciuto l'articolo? Ricevine altri comodamente via mail
Articoli consigliati

Ottenere le dimensioni di una TV

Un praticissimo wizard per avere subito un'idea di quali possano essere le dimensioni di una TV. Comodo per chi vuole conoscere le misure di una TV a partire dalla diagonale.

Speciale Prestiti Online

Quali sono le migliori offerte? Cosa bisogna sapere prima di richiedere un prestito personale? Cerchiamo di spiegare come stanno le cose ...

Speciale Conti Correnti

Quali conti online scegliere? Puri o multicanale? Abbiamo identificato le migliori condizioni offerte dalle principali banche ...

Test velocita' ADSL

Esegui gratuitamente i migliori test per monitorare la velocità della tua connessione ADSL

Guadagnare con Internet

Guadagnare in Internet ? E' possibile. Con un po' di pazienza e fortuna, si possono avere apprezzabili risultati ..
TOP 10 articoli #08/20
Sitemap