Backup dei dati, guida all'archiviazione dei file

L'archiviazione dei dati è un'operazione molto importante comunemente conosciuta come backup. Prima o poi nasce per chiunque l'esigenza di fare una copia di sicurezza dei file più importanti, questo articolo illustra le diverse tipologie per archiviare i dati considerando i pro e i contro di ciascuna tecnologia.

Scritto da: Redazione
Pagina 1 di 2

L'archiviazione dei dati è un'operazione molto importante comunemente conosciuta come backup. I file che si accumulano nell' hard disk nel corso del tempo non sono immortali e prima o poi potrebbero essere irreperibili in seguito ad un guasto del disco fisso. Prima o poi nasce per chiunque l'esigenza di fare una copia di sicurezza dei file più importanti, questo articolo illustra le diverse tipologie per archiviare i dati considerando i pro e i contro di ciascuna tecnologia.





I prodotti più gettonati per fare backup sono le chiavette USB, gli hard disk , i CD e i DVD. Ogni supporto di backup puo' essere più o meno valido e si presta per essere una soluzione efficace per fare un backup di breve periodo.
Capita infatti che dopo un po' di tempo nell'ordine di qualche anno, i file archiviati nei supporti precedente elencati possono diventare illegibili e inutilizzabili.
La conservazione e la durata di vita di un file costituiscono il fattore più importante da considerare quando si deve procedere al backup.
Un altra problematica riguarda il prezzo. Soluzioni più efficaci e meno rischiose per effettuare backup di dati sono spesso più costose di quelle che si potrebbero adottare a costo irrilevante come per esempio, l'acquisto di una pen drive USB.
I dischi Blu-ray seguiti dai DVD e dai CD costituiscono una validissima scelta di archiviazione dei dati a lungo termine, peccato che sono costosi e che bisogna acquistare un masterizzatore Blu-ray.

Backup su CD e DVD
Fino a qualche tempo fa i supporti come CD e DVD venivano considerati dai produttori come dispositivi caratterizzati da una durata "infinita" di almeno 100 anni.





Questo perché sono costituiti di materiali particolarmente resistenti e non soggetti alla smagnetizzazione come invece accade per gli hard disk.
La realtà dei fatti dimostra invece che dopo qualche anno i CD e i DVD diventano quasi illeggibili e per evitare il rischio di perdere i dati occorre effettuare un nuovo backup.
Più in particolare i prodotti che offrono meno garanzie per l'archiviazione dei dati sono i CD e i DVD scrivibili più volte.
La qualità della copia dei file su dischi RW è soddisfacente solo nella prima masterizzazione; le masterizzazioni successive sul medesimo dispositivo, sono accompagnate da operazioni di cancellazione e scrittura che effettuate ripetutamente disturbano la qualità della scrittura e alterano l'integrità delle aree contenenti i dati determinando l'illeggibilità degli stessi.
I dischi normali, quelli scrivibili una sola volta, sono costituiti da materiale capace di riflettere la luce del laser in modo più chiaro e più efficace determinando una capacità di lettura migliore rispetto ai dischi RW.
Se si preferiscono i DVD per fare backup dei dati, è consigliabile utilizzare i supporti DVD+R anziché i DVD-R in quanto utilizzano un sistema di correzione di errore migliore.
I dischi sconsigliati per il backup dei file, sono i DVD a doppio strato: hanno indici di riflettività inferiori e nella testina generano un segnale elettrico più debole che puo' causare problemi durante la lettura.
Per conservare in maniera ottimale i CD e i DVD di backup, si consiglia di riporli in posizione verticale in luoghi freschi e asciutti lontani dalla luce del sole.
Occorre prestare attenzione anche alla marca del supporto che si intende acquistare per fare il backup: i CD e DVD anonimi oppure di marca ma a prezzo stracciato sono quelli più sconsigliati per fare backup in quanto costituiti da materiali scadenti.
E' bene sapere che esistono DVD particolari destinati appunto a utilizzi di backup, costituiti da componenti di alta qualità e caratterizzati da un prezzo un po' più elevato.

Backup su Blu-ray Disc
I dischi BD-R e BD-RE sembrano essere i supporti al momento più validi per il backup.





Sono caratterizzati infatti da una capacità decisamente superiore rispetto al classico DVD che arriva a 25 GB nei BD-R e a 50 nei BD-R a doppio strato.
La tecnologia Blu-ray utilizza un laser di colore blu con lunghezza d'onda di 405 nanometri e costituisce il massimo livello di produzione tecnologica dei supporti ottici.
I lettori Blu-ray hanno due lenti: una per leggere i CD e i DVD e l'altra per leggere i dischi Blu-ray. Per questo motivo, la testina del masterizzatore-lettore Blu-ray è più pesante e determina una masterizzazione BD-R o BD-RE piuttosto lunga.

Segue in basso  ▼

Vale la pena aspettare un po' di più in fase di backup o di scrittura? Certamente sì, perché i supporti Blu-ray non hanno solo capacità maggiore, ma sono costituiti da materiali particolarmente resistenti che anche se graffiati, non compromettono la leggibilità del disco.
 

 
Pagina Successiva »
Ti è piaciuto l'articolo? Ricevine altri comodamente via mail
Aspetta, non è finita qui...
Articoli consigliati

Ottenere le dimensioni di una TV

Un praticissimo wizard per avere subito un'idea di quali possano essere le dimensioni di una TV. Comodo per chi vuole conoscere le misure di una TV a partire dalla diagonale.

Speciale Prestiti Online

Quali sono le migliori offerte? Cosa bisogna sapere prima di richiedere un prestito personale? Cerchiamo di spiegare come stanno le cose ...

Speciale Conti Correnti

Quali conti online scegliere? Puri o multicanale? Abbiamo identificato le migliori condizioni offerte dalle principali banche ...

Test velocita' ADSL

Esegui gratuitamente i migliori test per monitorare la velocità della tua connessione ADSL

Guadagnare con Internet

Guadagnare in Internet ? E' possibile. Con un po' di pazienza e fortuna, si possono avere apprezzabili risultati ..
TOP 10 articoli #09/19
Sitemap