Guida all' aggiornamento del BIOS

Se le informazioni del nostro BIOS sono datate, è consigliabile procedere ad un aggiornamento per poter sfruttare al meglio le nuove periferiche.

Scritto da: Redazione
Pagina 1 di 1
Il BIOS, acronimo di Basic Input Output System, si occupa di memorizzare in una memoria particolare, le informazioni e i parametri essenziali per il funzionamento del PC.
Il contenuto del BIOS non viene cancellato né a PC spento, né se si stacca la corrente al computer.
Un aggiornamento del BIOS porta a grandi vantaggi, in primo luogo è indispensabile per poter utilizzare correttamente un hardware più recente di quello precedentemente montato per cui, se ad esempio abbiamo appena acquistato una nuova CPU Quad Core, molto probabilmente non verrà riconosciuta dal computer in quanto il BIOS non è aggiornato.
Lo stesso discorso puo' valere anche per le schede grafiche e per la ventola di raffreddamento della CPU.
Se le informazioni del nostro BIOS sono datate, è consigliabile procedere ad un aggiornamento per poter sfruttare al meglio le nuove periferiche, ma l'operazione puo' rivelarsi pericolosa e rischia di compromettere il funzionamento dell'intero sistema.
Prima di procedere all'aggiornamento del BIOS, è necessario fare una copia di backup dei dati più importanti in modo da poter continuare a lavorare su un secondo PC, in attesa che l'altro venga riparato.

Come aggiornare il BIOS

Il primo passo da fare per l'aggiornamento del BIOS è l'identificazione del modello della scheda madre, in quanto il BIOS è installato proprio sulla mainboard.
Se abbiamo acquistato un PC da un produttore, molto probabilmente siamo in possesso di un manuale. In caso contrario è necessario procedere al riconoscimento del BIOS sfruttando altre strade.
Un modo è quello di aprire il computer e cercare la sigla serigrafata sulla scheda madre, più semplice invece, è accendere il computer e cercare la scritta di produttore e versione del BIOS nella schermata iniziale, durante la procedura di POST.
Se compare solo il logo del fabbricante, è necessario entrare all'interno del BIOS premendo la sequenza di tasti corretta, e cercare i dati che ci servono all'interno del programma.

I file di installazione del nuovo BIOS si trovano solitamente all'interno del sito internet della casa produttrice della scheda madre, o del PC/notebook.
Prima di scaricare il file, è necessario essere sicuri che sia un valido aggiornamento per il proprio sistema e che sia una versione più recente di quella già installata.
In via generale, il file da scaricare è suddiviso in due parti: un programma Flash, che è la utility che serve per scrivere nel modulo BIOS, e l'aggiornamento vero e proprio.
L'aggiornamento del BIOS puo' essere effettuati in ambiente DOS, Windows e nel BIOS stesso.
Gli agiornamenti più facili da reperire sono quelli da DOS, in questo caso è opportuno salvare i file da sostituire in un floppy disk o in una chiavetta USB.
Molti costruttori installano in Windows delle utility per gestire l'hardware del proprio PC direttamente dal sistema operativo. Nella cartella dei programmi installati dal produttore dovrebbe comparire una voce che somiglia a "Live Update", che si occupa di effettuare eventuali aggiornamenti sull'hardware. Una volta trovata, è sufficiente seguire le indicazioni fornite dal programma.
Nel menu di molti BIOS, è presente un programma che permette la scrittura nella memoria Flash; in caso affermativo, è necessario salvare solo il file BIN reperibile sul sito web del fabbricante e salvarlo su un floppy disk o su una Pen drive USB.
L'aggiornamento del BIOS da DOS richiede che i file da installare, siano stati decompressi e archiviati in una directory specifica del disco fisso. Per avviare l'installazione da DOS è necessario eseguire file con estensione BIN o ROM; in alcuni casi vengono forniti dei file .bat che semplificano notevolmente l'operazione di aggiornamento del BIOS.

Preparare il supporto di BOOT per l'aggiornamento del BIOS

Se abbiamo scelto l'aggiornamento del BIOS da sistema operativo tramite il "Live Update", oppure il BIOS integra già un programma per la scrittura nella memoria flash, questo passaggio non serve.
Nel caso in cui decidessimo di procedere con l'aggiornamento da DOS è necessario preparare il supporto di avvio che puo' essere costituito da un'unità floppy disk oppure da una chiavetta USB.
Floppy disk : in DOS scrivere "format a:/s" oppure tramite Windows creare un disco di avvio MS-DOS per mezzo dell'apposito comando. Inserire nel floppy disk i file di aggiornamento del BIOS scaricati precedentemente da internet.
Unità USB : per creare un'unità USB di avvio, è necessario formattarla in formato FAT16 e contrassegnare il settore di avvio con Ox80. Il sistema operativo non è in grado di eseguire eseguire correttamente queste operazioni, è necessario dunque servirsi di un programma apposito.

Installare il nuovo BIOS

Prima di effettuare l'aggiornamento del BIOS, è necessario procedere con alcune impostazioni:
ACCEDERE AL BIOS
RIMUOVERE L'EVENTUALE PROTEZIONE DA SCRITTURA
ANNOTARE LE IMPOSTAZIONI DEL BIOS
CARICARE LE IMPOSTAZIONI DI DEFAULT DEL BIOS
IMPOSTARE L'OPPORTUNA SEQUENZA DI BOOT selezionando il nome delsupporto o un'opzione del tipo "USB-HDD"

Per installare il nuovo BIOS da DOS inserire il floppy disk o il supporto USB già pronto per l'aggiornamento. Il computer verrà avviato in modalità DOS. Eseguire il file del programma per il flashing e premere invio.
Il software che si avvia, si occuperà di effettuare una copia di backup del vecchio BIOS e controllerà se quello da installare è adatto alla versione corrente.
Il programma per la memoria Flash mostra lo stato di avanzamento dell' update del BIOS al termine del quale, è necessario rimuovere il supporto e riavviare il PC.

L'aggiornamento del BIOS in ambiente Windows è più semplice ed ha un'interfaccia più amichevole: si tratta di eseguire il "LIve Update" e selezionare la voce relativa all'aggiornamento del BIOS. A seconda del produttore della scheda madre, la procedura puo' sensibilmente cambiare. E' consigliabile effettuare una copia di backup del BIOS attuale cercando all'interno del programma la voce opportuna.
Una volta avviato l'aggiornamento bisogna aspettare che la procedura termini per poi riavviare il PC.

Segue in basso  ▼

Una volta aggiornato il BIOS...

Dopo l'update del BIOS è opportuno eliminare il contenuto della memoria CMOS in quanto il nuovo BIOS è installato in un altro registro CMOS.
La procedura è descritta nel manuale della scheda madra, nella maggior parte dei casi, si tratta di modificare la posizione di un jumper presente sulla scheda madre

A questo punto occorre ripristinare le preferenze del vecchio BIOS e, in un secondo momento, accertarsi che tutte le periferiche elencate in "Gestione periferiche", funzionino correttamente.

Se la procedura di aggiornamento del BIOS termina con esito negativo, l'unico rimedio è recuperare il vecchio BIOS.
Per ripristinare il vecchio BIOS, bisogna ripetere l'intera procedura utilizzando il backup precedentemente creato.

vedi anche:
Conoscere il Bios
Sostituire la batteria CMOS
Ti è piaciuto l'articolo? Ricevine altri comodamente via mail
Articoli consigliati

Ottenere le dimensioni di una TV

Un praticissimo wizard per avere subito un'idea di quali possano essere le dimensioni di una TV. Comodo per chi vuole conoscere le misure di una TV a partire dalla diagonale.

Speciale Prestiti Online

Quali sono le migliori offerte? Cosa bisogna sapere prima di richiedere un prestito personale? Cerchiamo di spiegare come stanno le cose ...

Speciale Conti Correnti

Quali conti online scegliere? Puri o multicanale? Abbiamo identificato le migliori condizioni offerte dalle principali banche ...

Test velocita' ADSL

Esegui gratuitamente i migliori test per monitorare la velocità della tua connessione ADSL

Guadagnare con Internet

Guadagnare in Internet ? E' possibile. Con un po' di pazienza e fortuna, si possono avere apprezzabili risultati ..
TOP 10 articoli #09/19
Sitemap