Come scegliere un monitor LCD (2/4)

Essere informati su alcune nozioni di base che possano aiutare ad orientarsi

Scritto da: Redazione
Pagina 2 di 4
Quali sono le caratteristiche di valutazione e i consigli su come scegliere un monitor LCD? Un buon metodo è quello di valutare le caratteristiche tecniche del prodotto che intendete acquistare
 
Rapporto di contrasto
Con questo termine viene identificata la differrenza di luminosità tra un pixel bianco e uno nero. In un documento di testo con le lettere nere su sfondo bianco, se quest'ultimo è 100 volte più chiaro delle lettere, il rapporto di contrasto sarà di 100:1. La qualità dell'immagine sarà più elevata quanto più elevato sarà il contrasto che, normalmente, è compreso tra valori di 300-500:1.
 
Tempo di risposta
E' uno dei parametri più importanti che vengono presi più spesso in considerazione nella scelta di un monitor ed indica il tempo impiegato da un pixel per passare da nero a bianco e ritornare nero. Naturalmente, più questo valore risulta basso e maggiore sarà la capacità dello schermo a cambiare velocemente la visualizzazione di un'immagine. Fino a poco tempo fa i monitor migliori avevano un tempo di risposta di 15/20 millisecondi. Oggi siamo nell'ordine dei 5 o addirittura 2 millisecondi.
 
Il pixel pitch
E' il termine con cui viene indicata la dimensione del pixel. Più questo valore è piccolo e maggiore sarà la definizione e il dettaglio dell'immagine. Questo elemento, assieme al tempo di risposta, determina la qualità del pannello LCD.
 
Luminosità monitor LCD 
Questo valore (cd/mq) viene misurato in "candele per metro quadro" e identifica l'intensità di luce per unità di superficie che il monitor può riprodurre. I monitor LCD attuali offrono valori compresi in range tra i 250 e i 350 cd/mq. Naturalmente è preferibile scegliere i monitor proprietari di valori molto vicini a quelli massimi. Una vasta gamma di colori assieme ad un alto livello di contrasto e luminostità sono le caratteristiche fondamentali di un buon LCD.
 
Angolo di visuale
Come accennato nella pagina precedente, una delle limitazioni dei monitor TFT va ricercata nel fatto che la luminosità, i colori ed il contrasto varia a seconda dell'angolo di visualizzazione. Quasti angoli sono di due tipi: orizzontale e verticale e descrivono il punto di visualizzazione per distinguere un determinato rapporto di contrasto, il più delle volte 10:1. I monitor di qualità più elevata presentano immagini perfette anche quando vengono viste con inclinazioni di 170° o più sia in verticale che orizzontale.
 
Risoluzione
La risoluzione è costituita dal numero di punti sullo schermo che formano l'immagine. A parità di diagonale utile, maggiori saranno questi punti e maggiore sarà la quantità di informazioni visualizzabili. A differenza dei monitor CRT, che offrono la stessa qualità di visualizzazione a risoluzioni diverse, i monitor LCD hanno la massima resa esclusivamente alla risoluzione nativa. La modifica della risoluzione su un display LCD rispetto a quella cosiddetta nativa, va a scapito della qualità di visualizzazione. La risoluzione nativa dichiarata dal produttore costituisce la risoluzione di ottimale strettamente correlata alle caratteristiche produttive del display LCD. 
 
Per chi utilizza il monitor per applicazioni office, per la videoscrittura risulteranno sufficienti risoluzioni basse nell'ordine dei 1024x768 pixel. Per il gioco, per applicazioni multimediali generiche e la navigazione in Internet sarà sufficiente la risoluzione di 1280x1024. Per applicazioni grafiche professionali è richiesta una risoluzione di 1600x1200 pixel o superiore, che è offerta dai monitor 16:9 Widescreen. 
 
E' importante ricordare che la risoluzione di un monitor non è direttamente dipendente dalla sua dimensione. Ad esempio, gli LCD da 20 e 22 pollici 16:9 offrono la medesima risoluzione e sfruttano una matrice 1680 x 1050 pixel. La differenza sta nella dimensione dei pixel stessi. Nello schermo da 20" è di 0,258x0,258 mm, nel modello a 22" è invece di 0,2767x0,2767 mm. In pratica, optando per l'acquisto di un 22" si avranno immagini di eguale qualità a quelle offerte da un 20", ma più grandi. Questa caratteristica non è da sottovalutare dagli utenti che hanno problemi di presbiopia, per i quali è consigliato il formato maggiore. 
 
Gli ingressi
I monitor LCD sono naturalmente forniti di ingresso VGA analogico, il tradizionale ingresso video di cui sono dotati anche i monitor a tubo catodico. Per i possessori di schede grafiche con uscita digitale DVI (Digital Video Interface) potrebbe essere consigliabile valutare l'acquisto di un display munito di questo ingresso, che permetterà di far comparire l'immagine esattamente prodotta dalla scheda grafica, pixel per pixel, priva di distorsioni o adattamenti che possono scaturire dal segnale disturbato presente sul cavo. La presenza di questo componente può influire sul prezzo. E' bene comunque precisare che, in condizioni di utilizzo normale, le differenze di prestazioni tra i due ingressi sono quasi impercettibili. Un monitor di qualità, comunque, dovrebbe avere sia l'entrata DVI che VGA.

Segue in basso  ▼

Dimensione monitor lcd 17, 19, 20 pollici o superiore
I monitor sono disponibili nei formati 4:3 e 16:9 (Widescreen). Il 16:9 costituisce il formato più versatile ed è indispensabile per un utilizzo multimediale. I monitor Widescreen hanno dimensioni che variano dai 19 ai 30 pollici, mentre i modelli 4:3 sono da 17, 19 e 20 pollici. C'è da dire che il formato da 17 sta quasi scomparendo. I monitor LCD 4:3 da 17"e 19" presentano una differenza di prezzo non molto significativa, per cui è preferibile orientarsi verso il modello di dimensione maggiore.

Se è possibile, effettuate delle prove presso il rivenditore provando a muovere il mouse su uno sfondo nero con un movimento molto veloce e rapido: se osservate una scia è consigliabile indirizzare l'acquisto verso un altro modello.
 
Opaco o lucido? 
A fianco dei pannelli con il tradizionale trattamento antiriflesso, hanno fatto la loro comparsa i monitor lucidi che sfruttano una nuova tecnologia, solitamente chiamata Ultra Bright, che consente di ottenere immagini molto brillanti e ad alto contrasto. Gli Ultra Bright sono particolarmente indicati per i giochi e la riproduzione dei filmati, ma sono sconsigliati per un utilizzo professionale perchè amplificano il problema dei riflessi. Se nell'ambiente dove è posizionato il monitor, non è possibile controllare le luci che si riflettono sullo schermo, la scelta del display lucido è sconsigliata. 
« Pagina precedente
Pagina Successiva »
Ti è piaciuto l'articolo? Ricevine altri comodamente via mail
Articoli consigliati

Ottenere le dimensioni di una TV

Un praticissimo wizard per avere subito un'idea di quali possano essere le dimensioni di una TV. Comodo per chi vuole conoscere le misure di una TV a partire dalla diagonale.

Speciale Prestiti Online

Quali sono le migliori offerte? Cosa bisogna sapere prima di richiedere un prestito personale? Cerchiamo di spiegare come stanno le cose ...

Speciale Conti Correnti

Quali conti online scegliere? Puri o multicanale? Abbiamo identificato le migliori condizioni offerte dalle principali banche ...

Test velocita' ADSL

Esegui gratuitamente i migliori test per monitorare la velocità della tua connessione ADSL

Guadagnare con Internet

Guadagnare in Internet ? E' possibile. Con un po' di pazienza e fortuna, si possono avere apprezzabili risultati ..
TOP 10 articoli #11/19
Sitemap