Come scegliere un monitor LCD (1/4)

Essere informati su alcune nozioni di base che possano aiutare ad orientarsi

Scritto da: Redazione
Pagina 1 di 4

Il tubo catodico è ormai tramontato da tempo. Se è giunto il momento di acquistare un nuovo monitor, la scelta dovrebbe necessariamente ricadere su un modello a cristalli liquidi. Naturalmente, per scegliere un buon monitor LCD, non è sufficiente leggere solo i dati dalle schede tecniche dei vari modelli presenti sul mercato, ma occorre essere informati su alcune nozioni di base che possano aiutare ad orientarsi. La scelta di un monitor dipende dall'uso che se ne deve fare. 

I monitor a schermo piatto si basano sulla tecnologia LCD (Liquid Crystal Display) che si avvale dei cristalli liquidi per bloccare la retroilluminazione o far passare la luce attraverso filtri colorati per produrre immagini di alta qualità.

I monitor LCD, rispetto ai vecchi monitor tradizionali presentano sicuramente parecchi vantaggi: risultano più riposanti per gli occhi e meno ingombranti con indubbio risparmio di spazio.

Minore ingombro: monitor CRT e LCD a confronto

Possono comunque presentare qualche svantaggio. In questo articolo ne illustriamo i diversi aspetti.
 
I vantaggi
I monitor LCD, grazie alla tecnologia TFT (Thin Film Transistor), offrono un'immagine priva di sfarfallii ad una frequenza di 60 Hz, perchè le immagini non vengonoo disegnate linea per linea, ma tramite l'accensione dei pixel. In un monitor tradizionale per avere la stessa resa stabile è necessaria una frequenza di 85 Hz. 
 
Le immagini restituite da un display LCD sono più nitide e dotate di miglior contrasto su tutta l'area dello schermo. La superficie, inoltre, risultando più opaca, impedisce il fastidioso riflesso causato dalle lampade o dalla luce del sole. Non vengono prodotte, inoltre, le deformazioni dell'immagine, tipiche dei normali schermi CRT (Cathode Ray Tube), che offrono sempre una certa curvatura ed una minor precisione o chiarezza dell'immagine stessa verso i bordi del monitor.
 
I monitor LCD offrono rapporti di contrasto più elevati, che incrementano la precisione e l'uniformità dei colori di foto e immagini con una nitidezza dello schermo e una messa a fuoco perfetta. 
 
La superficie visibile di un monitor a schermo piatto ha una maggiore area rispetto a quello tradizionale: a parità di dimensioni, un monitor LCD TFT da 17" riproduce un'immagine della stessa dimensione di un monitor a tubo catodico 19", un 19" LCD equivale ad un 21" CRT a tubo catodico. L'area visibile di un monitor a schermo piatto è quindi più ampia di quella relativa ad un monitor tradizionale.
 
Un monitor LCD ha una durata maggiore rispetto ad un monitor CRT. La durata dichiarata dai produttori va da 40.000 a 50.000 ore, oltre le quali la luminosità può diminuire anche del 50%. Nei monitor tradizionali la durata di utilizzo generalmente va dalle 25.000 alle 30.000 ore. 
 
Un'altro aspetto rilevante va ricercato in termini di risparmio energetico. Il funzionamento di un monitor LCD richiede un consumo di energia di gran lunga inferiore a quello di un monitor tradizionale. Nei monitor piatti da 17 pollici, ad esempio, il consumo è mediamente di 20 Watt. Nei monitor a tubo catodico da 19 pollici, che offrono una superficie visiva simile, il consumo è di circa 60 Watt.
 
Gli svantaggi
L'immagine viene costruita più lentamente: gli schermi piatti hanno tempi di risposta più lunghi rispetto a quelli a tubo catodico. Per questo motivo, qualche volta, i giochi di azione o i video possono risentirne. Attualmente, però, i tempi di risposta dei monitor LCD sono diminuiti a circa 8 millisecondi.
 
La qualità dell'immagine varia a seconda della posizione in cui si è posizionato il monitor: la visualizzazione migliore si ottiene solo stando esattamente di fronte allo schermo. Variando l'angolo di visualizzazione l'immagine risulta più scura e sbiadita. 

Segue in basso  ▼

La risoluzione di un monitor a tubo catodico può essere impostata come si preferisce. In un monitor a schermo piatto il raggiungimento di un'immagine di qualità si ha solo alla risoluzione prestabilita (detta nativa) che, ad esempio, nel caso di 17 pollici è pari a 1.280 x 1.024 pixel.

 
A volte lo schermo può risultare non illuminato con la stessa intensità su tutta la superficie, di conseguenza, con sfondi chiari, si potrebbero visualizzare delle parti scure che possono risultare fastidiose.
 
Pagina Successiva »
Ti è piaciuto l'articolo? Ricevine altri comodamente via mail
Articoli consigliati

Ottenere le dimensioni di una TV

Un praticissimo wizard per avere subito un'idea di quali possano essere le dimensioni di una TV. Comodo per chi vuole conoscere le misure di una TV a partire dalla diagonale.

Speciale Prestiti Online

Quali sono le migliori offerte? Cosa bisogna sapere prima di richiedere un prestito personale? Cerchiamo di spiegare come stanno le cose ...

Speciale Conti Correnti

Quali conti online scegliere? Puri o multicanale? Abbiamo identificato le migliori condizioni offerte dalle principali banche ...

Test velocita' ADSL

Esegui gratuitamente i migliori test per monitorare la velocità della tua connessione ADSL

Guadagnare con Internet

Guadagnare in Internet ? E' possibile. Con un po' di pazienza e fortuna, si possono avere apprezzabili risultati ..
TOP 10 articoli #11/18
Sitemap